Facebook Linkedin

Fedart e le Istituzioni

A sostegno e complemento della propria attività FEDART FIDI svolge iniziative di tutela e rappresentanza presso tutte le Istituzioni nazionali e dell’Unione Europea, attraverso iniziative mirate presso: i Ministeri dell’Industria, del Tesoro e delle Finanze; la Banca d’Italia e l’Ufficio Italiano dei Cambi; i Governi e le Assemblee regionali.

Tale interlocuzione si estende anche nei confronti dell’Unione Nazionale delle Camere di Commercio, organismo con il quale sono in atto accordi di collaborazione, soprattutto nell’area formativa.

FEDART FIDI rivolge naturalmente la sua attività  anche verso il mondo bancario, mantenendo costanti rapporti e talvolta stringendo accordi di collaborazione con l’insieme di esso. E’ questa collaborazione che ha portato le Federazioni Nazionali di settore del mondo bancario ad un riconoscimento formale di FEDART FIDI, di cui hanno assunto la qualifica di Socio Sostenitore.

Oltre a favorire i rapporti tra i singoli Istituti e i Confidi rappresentati da FEDART FIDI, i Soci Sostenitori hanno contribuito alla determinazione delle condizioni per positivi accordi che, talvolta, hanno assunto la veste di “accordo quadro”.

E’ infatti nella filosofia di FEDART FIDI la stipula di accordi nazionali con singoli gruppi bancari, che assumono la funzione di “accordo quadro” regolando le condizioni generali del rapporto, lasciando ai singoli Soci la definizione del costo e delle condizioni accessorie del credito e le modalità  operative dell’accordo Banca-Confidi.

Di particolare rilevanza è, in questo senso, l’accordo siglato con Artigiancassa, l’Istituto che da oltre mezzo secolo rappresenta per I’artigianato il partner di riferimento per gli strumenti di credito agevolato, motivo di costanti e proficui rapporti con il mondo artigiano.

Ma gli effetti maggiori di questo impegno sono stati conseguiti sul piano operativo: i maggiori gruppi creditizi trovano oggi in FEDART FIDI il partner attraverso e insieme al quale esprimere la loro crescente attenzione verso l’artigianato, grazie ai caratteri di concretezza e spessore che accrescono il valore della garanzia prestata unendo ad essa una capacità di “lettura” dell’impresa che, solo attraverso i Confidi, può giungere ad integrare serie e moderne valutazioni di merito delle operazioni.

Il rinnovamento dei rapporti banca-artigianato passa attraverso strumenti e servizi che vanno dall’informatizzazione al rating, dalla formazione alla “istruttoria concordata”, dalla costruzione della “rete” al lavoro in regime di qualità  assicurata. Lo sviluppo di tali risorse operative costituisce il centro dell’impegno programmatico in questo momento evolutivo del “sistema FEDART”.